Riccardo Camanini

“La mia esperienza è iniziata dall’incontro con grandi maestri che hanno saputo indirizzare il mio percorso di vita.”

Riccardo Camanini

immagine
immagine

Lo stile di Riccardo Camanini

Frutto di una visione che associa alla più squisita raffinatezza un amore sincero per l’ospitalità, la cucina di Riccardo è impregnata di sapori antichi che rievocano i luoghi che lo hanno cresciuto, e profumata quanto lo zabaione tiepido che accompagna la sua torta delle rose. Nei suoi piatti, la tecnica è sempre al servizio di una fortissima componente poetica: il rispetto della materialità del prodotto si coniuga così allo slancio immaginifico, come nel caso della sinfonia silvestre del “Riso, aglio nero fermentato e frutti di bosco” o della “Romanità Transalpina” della “Cacio e pepe cotta in vescica”.

Chi è Riccardo Camanini:

Classe 1973, bergamasco, ha in curriculum l’Albereta di Erbusco con Gualtiero Marchesi, Le Manoir aux Quat Saison con Raimond Blanc, La Grande Cascade a Parigi, con Jean-Louis Nomicos, che è come dire Alain Ducasse, e la Villa Fiordaliso a Gardone Riviera, intervallata da incursioni in varie cucine in giro per l’Europa, e passare poi nel 2014 al Lido 84, sempre a Gardone Riviera, dopo 6 mesi dall’apertura ottiene la prima stella Michelin.


chateauxhotels
Ambasciatori-del-Gusto